Tecnica e qualità: i sontuosi 45 minuti di Miralem Pjanic