Il City di Guardiola è già in fuga, Conte ora rischia l'esonero