Zaza e il rigore: solo coraggio, niente presunzione