Calciopoli e post-Calciopoli, quando la "rimozione" diventa collettiva