Lapadula, Pavoletti, Caprari: che intrecci di mercato