Perché il prolungamento annuale di Allegri non è un problema