Max Allegri, il condottiero che giustamente si prende i meriti