Padoin, gioia e sorrisi: dietro quell'abbraccio, la forza della Juve