La vera rivoluzione: trattenere i due assi