Talento e pazienza, così Rugani si è preso la Juve