La serenità di Buffon, la cattiveria di Mandzukic