Testa bassa e pedalare, la Juve non conosce la parola alibi