Nella valle dell'Eden: perché sognare Hazard non è utopia