La sindrome degli eterni secondi colpisce ancora: Juve prima e soliti piagnistei