Cavani, Benatia, Isco o Götze: perché sognare, stavolta, è possibile