Basta lacrime, niente delusioni: ora testa al derby