Allegri l'alchimista e quell'odore di speranza: prima inebriante, poi terribile. Ma, chapeau!