Allegri, quando le idee sono (quasi) più forti della sfortuna