Bayern-Juve, tre motivi per crederci e tre imprese da ricordare