Caro Paul, meno dribbling e più concretezza