Il capriccio di una Champions privata? No grazie. Le emozioni del calcio non si comprano