Predisposizione alla metamorfosi e consapevolezza dei propri mezzi: la ricetta per una Juve da Oscar