Lazio-Juventus, la chiave tattica - Il "perno" argentino e l'aggressione sulle fasce