Allegri chiama, Mario risponde. Fiducia, grinta e corsa per la torre croata