M'Gladbach-Juve, l'analisi dell'attacco - Le punte larghe ed il perno mancante