Dirigenza nell'occhio del ciclone. Giuste le accuse, premature le condanne