Morata, quando la volontà vale più di una recompra