Primavera all'insegna della continuità. Solo tre i volti nuovi: spicca Vadalà