La nuova Juve è più completa e duttile: Allegri può lavorare su tre moduli